La Villa Durazzo-Pallavicini con il parco romantico annesso alla villa è uno tra i maggiori giardini storici a livello europeo.

Villa_durazzo_pallavicini1Villa_durazzo_pallavicini_mappaCuore dell'insedimento è certamente il parco romantico al quale si affiancano importanti elementi attrattivi quali l'Orto Botanico "Clelia Durazzo" ed il Museo Archeologico.
Oltre alla descrizione del parco e dell'offerta culturale, all'approfondimento della storia della villa e dei suoi protagonisti, scopo non ultimo del sito è invogliare il lettore a visitare di persona il complesso per apprezzarne le peculiarità.

La Villa Durazzo-Pallavicini si trova a Pegli, quartiere residenziale del ponente di Genova. Il parco romantico annesso alla villa, comprendente anche il Museo di Archeologia Ligure, è uno tra i maggiori giardini storici a livello europeo.

Fu costruito per volere del nipote della marchesa Clelia Durazzo, Ignazio Alessandro Pallavicini, il quale ne affidò la progettazione e la completa realizzazione a Michele Canzio, fratello di Stefano Canzio e scenografo del Teatro Carlo Felice nonché maestro presso l'Accademia Ligustica di Belle Arti.

I lavori che furono realizzati tra il 1840 e il 1846, anno dell'inaugurazione ufficiale anche se proseguirono ancora qualche tempo, diedero compimento ad un'opera considerata oggi tra le più alte espressioni di giardino romantico ottocentesco, grazie all'interpretazione del Canzio che, disponendo le diverse scenografie, ha saputo comporre un itinerario di ispirazione melodrammatica, per mezzo di un racconto che si svolge in un prologo e tre atti di quattro scene ciascuno. Ci si trova quindi a viaggiare attraverso sentieri contornati da architetture neoclassiche, o di stile neogotico o rustiche, contornate da palme, piante esotiche, lecci e allori.

Il prologo tramite due viali porta al primo atto incentrato sulla natura. Qui è presente una delle più antiche collezioni italiane di camelie la cui fioritura è ovviamente visibile in primavera.
 
Il secondo atto nella zona alta, ora non visitabile, raffigura il succedersi della storia tramite finte rovine medioevali (edicola dedicata alla Madonna, castello trecentesco, mausoleo del signore).

Il terzo atto è quello della Purificazione. Tramite le grotte (oggi chiuse al pubblico) raffiguranti gli inferi si arriva alla scenografia del Lago grande, immagine catartica del Paradiso: qui la maestria scenografica del Canzio si rivela in pieno, col tempio neoclassico di Diana e il ponticello in stile orientale.

Infine, oltre a numerose opere d'arte scultoree, attribuite per lo più a Giovanni Battista Cevasco, si contano numerosissimi esemplari di vegetali assai rari.

Nonostante l'aggressione dell'urbanizzazione e dell'industrializzazione (sotto al parco è stata scavata una galleria autostradale), villa Durazzo-Pallavicini resta uno dei migliori esempi delle residenze di villa nobiliare, che nei secoli passati furono tradizione delle potenti famiglie genovesi.

La villa è facilmente raggiungibile dalla stazione ferroviaria di Genova-Pegli.
Villa_durazzo_pallavicini
Villa_durazzo_pallavicini1
Villa_durazzo_pallavicini2
Villa_durazzo_pallavicini3
Villa_durazzo_pallavicini4
Villa_durazzo_pallavicini5
Villa_durazzo_pallavicini6
Villa_durazzo_pallavicini7
Villa_durazzo_pallavicini8
Villa_durazzo_pallavicini9
Villa_durazzo_pallavicini10
Villa_durazzo_pallavicini11

Villa_Durazzo-Pallavicini_-_Bust_of_Michele_Canzio
 
Ricerca personalizzata


Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento