Palazzo Ducale fiore all'occhiello delle manifestazioni CULTURALI A GENOVA.

Palazzo_Ducale_Genova lato_Piazza_De_FerrariMANIFESTO_COPPAPalazzo Ducale è uno degli edifici più importanti di Genova. La sua storia riflette per molti versi la storia del potere di Genova, in quanto ha visto avvicendarsi Capitani del Popolo e Dogi; ma non solo, la storia di Palazzo Ducale può essere anche costituita dalla storia dei rifacimenti, delle ristrutturazioni nei secoli. 

Uno specchio degli stili artistici e architettonici che hanno caratterizzato la storia dell’arte dal ‘200 allo ‘800.
Palazzo Ducale è un grande edificio monumentale di 35.000 metri quadrati e con un volume di 250.000 metri cubici. Il palazzo si sviluppa tra via Tommaso Reggio, Piazza Matteotti, Piazza De Ferrari e salita dell’Arcivescovado e del Fondaco. Ha due ingressi da Piazza Matteotti e da Piazza De Ferrari. Essendo stato luogo di potere per molti secoli ed essendo nato dall’aggregazione e dall’ampliamento di edifici medievali precedenti, risente fortemente della commistione tra parti medievali, cinquecentesche, neoclassiche, neomedievaliste e interventi del Genio Civile in seguito ai bombardamenti del 1942. Di seguito, la descrizione sarò incentrata sullo stato attuale di Palazzo Ducale. 

Gli elementi strutturali e architettonici sono molti, e inoltre sono stati cambiati e rimaneggiati nel corso dei secoli. Oggi Palazzo Ducale è diventato il Palazzo della Cultura e dei Beni Culturali, si propone quindi come spazio multifunzionale culturale. Per rendere più fruibile il palazzo, tra il piano porticato e il primo ammezzato è stato creato, nell’ultimo restauro ,un sistema di rampe, denominato Strada Appesa, un sistema di percorsi che ha l’intento di rivitalizzare il rapporto tra la città ducale e la città antica. La struttura è moderna ed è stata inserita negli spazi distrutti dai bombardamenti del ’44. A causa dell’incendio del 1777, sono andate completamente perdute le decorazioni delle Sale dei Consigli. Quelle del Maggior Consiglio erano ad opera del bolognese Marco Antonio Franceschini, quelle del Minor Consiglio erano del napoletano Francesco Solimena. Nella Medaglia della volta del Maggior Consiglio, Domenico Tiepolo aveva dipinto “Il massacro dei Giustiniani a Scio”, andato perduto anch’esso per i dissesti. 

Lasciato in abbandono per lungo tempo, e adibito a sede degli uffici giudiziari prima della costruzione negli anni settanta del nuovo palazzo di giustizia di Portoria, ha visto completare il suo restauro in occasione delle Colombiadi del 1992 con cui vennero commemorati Cristoforo Colombo ed il cinquecentenario della scoperta dell'America.

Ospita al piano nobile, importanti mostre d'arte, dibattiti e convegni (organizzati nelle sale affrescate del Maggior e del Minor Consiglio) e, nei cortili e porticati, negozi e punti di ristoro.

Nel 2001 vi si sono riuniti a congresso i capi di stato e di governo convenuti a Genova per il G8. Intorno al centro storico venne istituita una blindatissima zona rossa che non servì però a scongiurare, almeno al suo esterno, quelli che sono passati alla storia come i fatti del G8 di Genova.
Palazzo Ducale_perrone_3
Palazzo_Ducale_cortile
Palazzo_Ducale_Genova Affresco
Palazzo_Ducale_Genova lato_Piazza_De_Ferrari
Palazzo_Ducale_Genova Loggiato_e_cortile_maggiore
Palazzo_Ducale_Genova Salone_Maggior_Consiglio
Palazzo_Ducale_Genova Scalone_Dogale
Palazzo_Ducale_Genova Torre_Grimaldina
Palazzo_Ducale_Genova
palazzo_ducale_genova_sala_minor_consiglio
Palazzo_Ducale_insieme
Palazzo_Ducale_Torre_Grimaldina
Palazzo_Ducale-Porticato
palazzo_ducale-sala_maggior_consiglio2
palazzo_ducale-sala_minor_consiglio1


 
Ricerca personalizzata


Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento