La Rondella della Grotta è una rondella della cinta magistrale di Verona, ultimo baluardo del sistema difensivo austriaco.

rondella_della_grottarondella_della_grotta2La Rondella della Grotta è una rondella della cinta magistrale di Verona, ultimo baluardo del sistema difensivo austriaco. La sua costruzione risale al 1523, voluto dalla Serenissima, con l'edificazione della rondella (al suo posto prima passava la cinta turrita scaligera).

Nel 1840 venne ristrutturata dagli austriaci con il miglioramento della casamatta e la ricostruzione della cortina tra la rondella e castel San Felice.

La rondella, abbandonata ed inaccessibile per molti anni, recentemente è stata sistemata col lavoro volontario delle associazioni Legambiente e Comitato per il Verde. La piazza superiore è aperta e attrezzata con tavoli e panche, ed offre un ampio panorama sulla città e sulle mura.

Si tratta di un'opera di muratura e terra, originariamente a tracciato circolare (detta appunto rondella), con muro aderente, rivestito di laterizio, a scarpa, ossia in pendenza, sino all'altezza della cordonatura di pietra, con postazione di artiglieria in casamatta e a cielo aperto.

L'opera venne edificata al posto della preesistente scaligera Porta Oriela per adeguare la cinta scaligera alla difesa con artiglierie. La porta scaligera presidiava l'antica strada diretta verso Poiano e Montorio. Durante il restauro ottocentesco, la torre scaligera adiacente al fronte di gola della rondella, venne completamente cimata e trasformata in postazione di artiglieria a cielo aperto, per battere l'interno del corpo di piazza, d'infilata lungo la strada di circonvallazione.
rondella_della_grotta1
rondella_della_grotta3
rondella_della_grotta4
rondella_della_grotta5
rondella_della_grotta6
rondella_della_grotta7
rondella_della_grotta8
rondella_della_grotta9
rondella_della_grotta

Ricerca personalizzata

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento