Muggia è un fazzoletto in un fazzoletto, al confine di tutto.

Muggia

MuggiaMuggia1Muggia2Muggia3Muggia4Muggia5Muggia6Muggia7Muggia8Muggia9Muggia11Muggia12Muggia13Muggia14
Muggia_panoramaMuggia-StemmaMuggia giace su una penisola esposta a nord-est con tipico paesaggio collinare digradante verso il mare: dalle propaggini occidentali si può godere dello spettacolo (raro in Italia) del tramonto sul Mare Adriatico.

Muggia è un fazzoletto in un fazzoletto: una virgola nell'enclave triestino, già virgolettato per sè.

Un punto interrogativo, una parentesi sulla carta geografica dove i confini si intrecciano a ragnatela.

Muggia è al confine di tutto, confine di mare e confine di terra a cento passi da qui. Confine labile e volatile e arcigno allo stesso tempo, grondante storia ad ogni metro: e non sono tutte storie che hai voglia di ricordare.

E nel cuore - o forse nel fegato - di Muggia, ecco quel porticciolo come una virgola nella virgola, un singhiozzo nella linea della costa: redarguito dalle murate in pietra bianca, in cui s'appendono bandiere fatte con sacchi di spazzatura. Sartie che suonano al vento, alberi che ondeggiano tremuli.

E le case: le case pettinate all'insù, crivellate di finestrelle come pertugi, colorare dal tempo e scolorate dal sole, scrostate come affreschi e ridipinte come signorine il pomeriggio delle feste.

Il Duomo dalle linee pettorute, la piazza come un sospiro, le vie raggomitolate attorno al porto, da camminare piano, guardando su.
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
Colosseum icon feed rss

Nessun commento:

Posta un commento